martedì 24 settembre 2013

mi basti tu... ed invece no... ma lo vorrei!

...bizzarro...

Ogni giorno Brivido mi insegna qualcosa, lui è un punto fermo, felicità e gioia; e quando è arrivato nella mia vita, l'ha fatto a mo' di uragano, senza darmi la benché minima possibilità di decidere se fosse la cosa giusta o ciò che maggiormente desideravo, ed è stato tutto veloce, bello e rivoluzionario!

Eppure non mi basta.

Mi rendo conto di quanto siano fondamentalmente errati, ingiusti, egoisti e limitati i miei atteggiamenti ed il pensiero... 

Lui non mi basta, a me fa paura l'idea che saremo sempre e solo lui ed io...

Alle volte mi dico che stiamo tanto bene, che siamo tanto belli, che abbiamo tante cose, un intero mondo lui, un intero mondo io, un intero mondo noi; e tutto questo dovrebbe bastarmi...

Ma non è così...
Guardo le fotografie del nostro matrimonio, sebbene ci sia davvero autentica felicità, c'è anche una sorta di inquietudine onnipresente nel mio sguardo, quell'aurea sfuggente che solo l'insoddisfazione dona... 

Già aspettavo di aspettare...
Già pregavo e desideravo...
Già non ero capace di godere di quel folle e bellissimo noi che solo noi sapremmo far diventare qualcosa di speciale...

Che ci sia o meno di mezzo quel mucchietto di guanciotte e ginocchiette pacioccose, con i capelli appena accennati, ed il profumo idilliaco, noi ci siamo....

Vorrei mi bastasse noi...

Vorrei smettere di leggere i blog delle "ricercatrici", fanno male come quelli delle foodblogger quando sei a dieta... 
Perché lì non è l'unione che fa la forza, o forse anche si, però è una forza che alle volte lacera... 
Io quelle gnare lì le amo con la maiuscola, due sopra le altre: una mi commenta sempre, ha la faccia della non protagonista Disney che ammiro di più, perché sa dare senza mai dire una parola nel suo film, film che parla la lingua di noi ricercatrici, senza urlare mai, ma sussurrando amore; l'altra è la mia Socia, pochi giorni fa a preso ad avere a che fare con la Disney lei pure, perché ha adottato un bimbo peloso, ed è un faro meraviglioso, una principessa che se anche non mette la corona non pare meno regale!

Ecco io a voi non vi vorrei più leggere, non vorrei più solidarietà nella mia battaglia a senso unico, non vorrei più gioire dei fiammiferi poco luminosi delle speranze altrui, e vorrei dannatamente amare la vita che faccio rendendola ogni istante più strepitosa e ricca, così com'è! 

Nuovo programmino di settembre...
Vacca Gallina come sto facendo fruttare i propositi di pseudo inizio anno... 

24 commenti:

  1. Mi ricordo un tuo post sulle brioche e il cappuccino e su quanto sia importante godersi gli attimi...ecco, forse non è facile, ma cerca di goderti questi momenti dove siete solo voi due, il resto verrà da se e se non verrà sono sicura che troverete una soluzione... La forza sta nell'unione, nella vostra in questo caso.... Un bacione e un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ANONIMA ci vuole tanta più forza, ho scoperto, a prendersi un attimo per godersi cappuccino e brioches piuttosto di quella per scaraventare il mondo all'aria!

      Elimina
  2. Io credo che sia possibile amare la vita per come la vita è e ci si presenta ogni giorno: apprezzando le piccole cose, i dettagli. E ogni tanto concedersi qualche regalino, anche solo un dolcetto, anche se siamo a dieta.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È assolutamente vero MOZ! La vita va amata ed accettata per quella che è, tanto più che la gente più felice non ha seguito troppo i propri piani...

      Elimina
  3. Cara Patalice, che bello è vedere i tuoi post:) ci fai un po sorridere con la tua simpatia... la scala delle tre foto sono fantastiche si cammina per mano tutta una vita!!!
    E si prova sempre sorridere, ciao un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Secondo me non è nella natura umana "bastarsi" come è umano desiderare "di piu'" Ci sono tante strade oggi per realizzare il tuo desiderio...Hai dalla tua che sei giovane e un marito che vuole le stesse cose che vuoi tu...Ricordo di una lista meravigliosa che avevi fatto in attesa di cominciare a lavorare al progetto...Rileggila!!E intanto ti mndo un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione su tutto MANU, in particolar modo su quella lista di desideri che ho formulato ed sccantonato troppo presto!

      Elimina
  5. Allora Socia, nun se fa così che io c'ho l'ormone da primo giorno di ciclo e mi commuovi. Anche io t'adoro, con la A maiuscola, che io e te abbiamo così tante cose in comune oltre alla ricerca... detto ciò...
    Facevo lo stesso ragionamento, tempo fa.
    "mi farà davvero così bene leggere i blog di ricercatrici? non è che poi, io che sono un'empatica di classe A mi faccio condizionare troppo?"
    Sì, mi faccio condizionare troppo. Dalle cattive come anche dalle buone notizie. Quella che un'altra mia adorata blogger chiama happy pills.
    Non so cosa consigliarti. Di certo, tesoro, quello che ti far star male va evitato.
    Se vuoi ti avverto quando posto qualcosa sulla ricerca, così mi eviti :D
    Tipo bollino rosso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia PRINCESS tu non sei una monoargomentativi da ricerca punto e stop, noi si ha un sacco di altre cose... Pure il bambino peloso ora! No, non smetterò di leggerti, forse neppure le altre le tralascerò... Voglio solo trovare una bella dimensione di tranquillità, non una bolla sospesa dove tutto va bene, ma un posto dove io possa, comunque, sentirmi a casa

      Elimina
  6. Alice l'inquietudine fa parte delle anime belle. Lo sarai sempre. Lo saresti stata comunque, anche se.
    Vivi l'inquietudine senza sensi di colpa. E' così. Ma soprattutto vivi.
    e non leggere più niente. esci. prega se ci credi. ama come sai e più che puoi.
    "Quando la tua anima è pronta, lo sono anche le cose".
    E in bocca al lupo bel cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. YELLOWCAB mi piace proprio quello che hai scritto, e non [solo] perché mi hai dato dell'anima bella, ma perché mi consigli cose che fanno bene, senza pregiudizi!

      Elimina
  7. Ciao,
    io credo che alla fine non ci bastiamo mai, intendo noi da soli, noi in copia, ecc. Alla fine quando abbiamo qualcosa vorremo sempre lo step successivo, essere non dico felici, ma sereni non è semplice. Se ti devo dire la verità anch'io sono stanca, stanca di vedere , come dici tu, le principesse delle Disney e anche la luce dei fiammiferi altrui. Cosi a volte cerco di godere delle piccole cose, provo a regalarmi un attimo di pace, felicità, dura poco ma spesso mi aiuta ad andare avanti.
    Buona serata ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È esattamente quanto sto indottrinando la mia testolina a fare AUDREY BORDERLINE... Partendo dal famoso cappuccio e brioches di qualche tempo fa, ed atterrando chissà dove chissà quando!

      Elimina
  8. Ciao cara..
    Mi rispecchio molto in quello che hai scritto, anche io sono un'insoddisfatta cronica, un'eterna incontentabile, una "ricercatrice".. voglio sempre quel qualcosa in più e appena l'ho trovato scappo alla ricerca di qualcos'altro!
    Beh, che dire.. forse dovremmo imparare a goderci di più gli attimi e quello che abbiamo e provare a credere che le piccole cose sono le migliori.
    Che dici, che la facciamo?
    Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so tu ELENA SOFIA, ma io mi ci sto proprio impegnando tantissimo!

      Elimina
  9. Il "noi" non sempre basta..è dura quando si vorrebbe un "noi" almeno a 3 e non semplicemente a 2! Chissà che un giorno entrambe (x miracolo) otterremo questa "pace"..io continuo a sperare..
    Un bacio Pata <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Zia CONSU vorrei vivere al di là della speranza, io vorrei proprio vivere vivere!

      Elimina
  10. goditi appieno questi momenti a due io adesso che siamo in cinque li ricordo con immensa tenerezza perchè vivevo le tue stesse inquietudini!!!!ti mando un caro abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh MAMMALORITA ammetto che da due a cinque é uno scatto che al momento non prendo in considerazione... No no...

      Elimina
  11. ...questa volta mi spiazzi: non posso comprendere quello che provi...posso dirti solo che mi dispiace e che arrivi il momento che il tuo noi possa bastarti. Un abbraccio cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio CRISTIANA per aver rispettato quest'angolo doloroso del mio io con un silenzio colmo di solidarieta

      Elimina
  12. capisco la tua inquietudine. la capisco vista dalla parte di chi -purtroppo- l'ha subita tutta la vita legandosi alle persone che la provavano.
    Da un lato è davvero frustrante perchè ti rendi conto che per quanto si costruisca il "noi", l'altra metà del noi tiene sempre un piede sulla porta, anche se solo mteforicamente.
    Sai quale è l'aspetto più difficile da accettare? Che in definitiva chi davvero ci smena e ci soffre è chi da il 110 per cento credendo con questo di placare la "fame" di altro e di "di più" e "diverso" che agita chi non ne ha mai abbastanza. Purtroppo la fine è nota.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle storie d'amore, così come in ogni altro umani rapporto LAF c'è una parte che ama di più... Questo è imprescindibile, vero, anche se fa soffrire in effetti...

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!