sabato 7 settembre 2013

analisi di un delitto...

Sono tornata dallo Strizza.

E' stata una [non] scelta.

S'era daffare, punto e stop.

...la testa non c'entra più na beata mazza col resto, e mi serve il ripristino delle funzioni intellettuali, ergo urge intervento di un professionistissimo di qualità.

E' stato bruttissimo e bellissimo.
A fasi alterne, e la cosa non mi stupisce affatto perché la mia vita è così: tutto nero vs. tutto bianco!

E' venuto fuori un bel reticolo di emozioni, che a pensarci bene bene io mi chiedo dove le tengo in questo metro e cinquanta di simpatia... 

Il punto focale non è facilissimo, tutto ruota intorno alla mia incapacità di accettare che per me... va bene così! 
Nel senso che io vorrei, fortissimamente, strenuamente, dire a me stessa che ciò che ho è già abbastanza e debbo godere di quanto ho... ma poi arriva la botta, quell'irrigidimento stoico e storico e mi dico che COL CAZZO che a me sta bene "solo" quello che ho.

Cioè si ho un marito che mi ama, una famiglia presente, una migliore amisorella per la quale darei ogni organo sano in corpo, sono acuta carina intelligente [e modestissima], ho un lavoro con pecche ma anche virtù, una tetto grazioso sopra la testa, un cane meraviglioso ed un guardaroba invidiabile.

Ma non mi sento completa così.
Sento di potermi permettere qualche desiderio extra. 

E qua di consuma il dramma:
sono i miei desideri troppo grandi ed ambiziosi per la personcina che sono?

Il responso dello Strizza è... SI...

...e questo perché, pare, io guardi le cose da una prospettiva assai sbadata e sbagliata... 

Io mi aspetto dalla mia vita il "Quadretto perfetto", sono impreparata al "colpo di scena" all'eventualità che le cose non vadano esattamente come le voglio io... 

Quindi le cose come le voglio io non si avverano.

Punto.

Questo è il parere del mio Strizza, ed io un tantinello lo detesto profondissimamente...

39 commenti:

  1. mi sa che dal tuo strizza ci vado anche io a sentirmi dire le stesse cose... sentirmi dire che il quadro è imperfetto, che qualcosa che va storto si deve preventivare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è vero NONSENSE, teoricamente sono fortunata, mi fa bene sentirmelo dire, però è doloroso!

      Elimina
  2. non lo so se ho voglia di concordare con il tuo "strizzatore".

    mirare (sempre) alla luna vuol dire che, male che vada, caschi su qualche stella.

    e poi, cmq, inquietudine e quadretto perfetto sono una dicotomia.

    non penso che la tua ambizione sia il quadretto perfetto.

    perfetto rispetto a cosa, poi..?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...JEANLOUPVERDIER teoricamente non hai torto, ma c'è un fatto: se puntiamo alla luna cadiamo da più in alto... e questa è una paura che vorrei abbandonare...

      Elimina
  3. uh ho passato la vita a cercare la perfezione che non esiste. A cinquant'anni ti dico NON esiste... La vita è un attimo che passa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e come si fa a non aspettarsi la perfezione per se stessi ROSENUOVOMONDO?

      Elimina
  4. Dio mio io e te siamo identiche cara mia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...però mi sento che tu ce la farai per prima Socia PRINCESS

      Elimina
  5. Ma scusa, chiedi al tuo strizza... CHI CAZZO E' CHE SI SENTE DAVVERO COMPLETO?
    Nessuno: per questo motivo nascono religioni e filosofie! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti lui crede fermamente nell'imperfezione e sta cercando in ogni modo e maniera di inculcare anche a me questa "passione"...
      solo che io non sono tanto brava MOZ...

      Elimina
  6. Io vorrei fare la psico degli psico (che si sa devono sottoporsi a terapia almeno periodicamente)..per provare a capire se c'è qualcosa da capire in loro :-)
    Io son l'emblema incarnato della insoddisfazione perenne, del "non mi accontento ma ci provo lo stesso,ostinatamente",per poi crollare davanti all'ennesimo "vorrei ma non è destino per me". Oggi,per la cronaca,ho avuto un altro crollo. Fortuna che sembra io mi riprenda piuttosto velocemente,da questi contraccolpi da desideri inappagati.
    Io so cosa mi manca..o,meglio,penso di saperlo (per questo vorrei andare da uno strizza a sentir un parere)..il guaio è che son anche convinta che non lo avrò mai. E saggezza vorrebbe ch'io,di conseguenza, desideri quel che ho e che posso avere e non desideri altro. Ma poi,scavando a ritroso nel mio passato, trovo che quel che mi sembrava di non poter mai avere,l'ho ottenuto,quel per il quale molti dicevano non ero portata,ho dato prova del contrario,allora..torno a desiderare quel che ora mi dico non avrò mai.
    Mi manca un lavoro,una casa, mezza salute e amici veri (e non i soliti ipocriti). Oltretutto ho preso l'ennesima laurea che non metterò nemmeno nel cassetto (infatti ancora non vado a ritirar la pergamena): insomma..son un concentrato di insoddisfazione (ehi! Se ci andiamo insieme dallo strizza dici che paghiamo meno ?;-) ) .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sconto comitiva ELE?! Perché no!? Personalmente sento l'errore insito e pesante delle mie convinzioni non essere poi così tanto errato! Insito e pesante lo è, ma chi l'ha stabilito che è anche dannatamente sbagliato per me?! Vorrei arrendermi, ma il fuoco è acceso, e arde!

      Elimina
  7. per quanto imperfetta, io cambierei la mia vita con la tua....

    RispondiElimina
  8. Non ti dico di rinunciare ai tuoi sogni, solo, mentre cerchi di realizzarli, prova anche a godere per quello che hai, ogni giorno, perchè è molto più di quello che ha tanta altra gente.
    A volte le tue ansie e insoddisfazioni si ripercuotono su chi ti sta vicino, che si dispera perchè non ti vede e non riesce a farti felice.
    Stai male tu e stanno male anche gli altri.
    Questa che vita è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vita di merda ATA, e tu hai ragione quando fai leva sulla distruzione altrui che provoca la mia costante instabilità...

      Elimina
  9. se hai ambizioni e sogni, ti dicono che stai sbagliando
    se non ne hai, ti dicono che stai sbagliando
    se ne hai pochi, ti dicono che dovresti averne di più, salvo poi dirti che stai sbagliando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora stiamo fermi o continuiamo!? Non è una scelta così semplice e scontata CHARLIE, perché dire che agire è la miglior cosa, che si arrendono solo i deboli, sono cose vere ma... Noi cosa si è disposti a perdere?!

      Elimina
  10. Può anche magari avere ragione ma non mi pare il caso di imporsi di guardare la vita in modo negativo... Che senso ha!? Meglio sorridere, desiderare, sapersi anche accontentare certo, ma sognare sapendo che può andar bene come no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...boh non lo so CERVELLO, pensavo che avere dalla mia la forza della fede, della speranza, della fiducia in me, fossero tutti elementi sufficienti a farmi uscire vittoriosa dalla cosa, invece pare che proprio no!

      Elimina
  11. Ok, probabilmente direbbe le stesse cose a molte di noi... Mal comune...
    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...il mezzo gaudio mi sfugge al momento FASHION RIDDLES...

      Elimina
  12. ovvio che lo detesti
    non è perfetto come lo vorresti
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e non è forse questo un ottimo motivo per detestarlo K?!

      Elimina
  13. le diagnosi dei terapeuti vanno prese con le molle. Ti consiglio di iniziare una profonda autoanalisi volendo affiancata dal terapeuta di fiducia.
    Il detestare il terapeuta fa parte del setting e di quel fenomeno noto come transfert. Come taoista posso assicurarti che l'autostima può migliorare a patto almeno di non credere il contrario (e non è così facile, vero?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...MADMATH il tuo discorso mi intriga, ma ammetto di non averlo compreso pienamente: cosa significa non credere il contrario? Cioè io l'auto stima ce l'ho, ed è pure troppa a volte...

      Elimina
  14. Concordo con Charlie Brown! Comunque sia, sbagli (se ne soffri). Se stai bene così, allora ti dicono che accetti i tuoi limiti e vivi bene la tua vita ...MAH! A me gli psicologi non convincono molto ma sono fuori da tutto, non ho mai parlato con uno di loro e boh, avranno ragione... forse! SU SU! Pretendi sempre il meglio e soprattutto quello che veramente vuoi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma il punto qui REGANISSO è capire se ciò che voglio è alla mia portata!

      Elimina
  15. se poi ti spiega come si fa a sentirsi completi... ce lo spieghi pure a noi? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prometto di mettervene a conoscenza...
      lo saprete voi per primi FEDERICA!

      Elimina
  16. Ricorda: lo Strizza ha sempre ragione! Con quel che costano ci mancherebbe altro :(
    Non ridimensionare i tuoi sogni! Basta solo accettare che siano tali, se sai che non sono realizzabili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RACHELE la ragione si da a chi viene pagato... mi sembra cosa buona e giusta!
      Questo a parte in effetti non mi va proprio di abbandonarli...

      Elimina
  17. le cose si avverano per come le vuoi tu, solo quando decidi di smettere di rompere i coglioni alle cose e gli lasci fare il loro lavoro! quando smetti di cercare di guidare le cose, quelle possono cominciare a produrre felicità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ANONIMO è che ti stai rivolgendo al capo mondiale, principessa assoluta degli scassa maroni... Non ce la faccio a subire inerme!

      Elimina
  18. Parlavo proprio in sti giorni con un'amica... io sono dell'idea che non riusciremo mai ad accontentarci... vorremo sempre di più... anche quando hai tutto o quasi... vorresti qualcosa di più che ti faccia emozionare quella volta in più... perchè si sa... le cose dopo un pò perdono quel fascino della novità...

    RispondiElimina
  19. Patalice, ho letto questo tuo post e...sappi che io sono esattamente come te. Non dico che non sono contenta di quello che ho, è che non mi accontento e sono due cose ben diverse.
    Voglio che la mia vita vada nella direzione che le impongo io e non vedo perchè debba andare diversamente da così. Non sopporto che mi si dicano frasi tipo:"Un po' di imprevisto è il sale della vita", ma la cosa che non sopporto più di tutte è:"se ottieni una cosa dopo aver superato molti ostacoli te la gusti di più." Che abominevole cazzata, se voglio una cosa sarei ben felice di ottenerla subito senza dare l'anima tutte le volte porca miseria!
    Dateci il nostro quadretto perfetto!
    Io capisco che tu quello lì lo detesti un tantinello!!! Vado va, mi leggo qualche tuo altro post e intanto ti saluto. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo estranee nel mondo dei grandi ARIANNA? Alle volte mi pare di si... Vedo le persone intorno a me concedersi la giusta gioia per le giuste cose, e vedo me, tutto un altro cinema! La fatica per il raggiungimento dei miei obbiettivi è una costante, non la novità... E fa male, e fa bene. Non lo so... Vediamo un po' come butterà da qui in avanti

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!