venerdì 5 luglio 2013

suona un'armonica...

Cerca nella memoria, la colonna sonora della tua vita, metti su il cd (o il vinile... L'attempatezza altrui non mi riguarda!) e siediti o sdraiati o appoggiati, fai te, la cosa importante è che tu sia comodo.
Fatto?

Ora chiudi gli occhi, rilassati, lasciati andare...
Torniamo indietro?
Andiamo al passato, un tempo che vada dall'imperfetto al remoto, a seconda di chi tu sia...

Arrivaci.
A quella situazione li...
A quella storia che...
A quel momento in cui...

Te la ricordi?
La vedi?

Che profumo ha?
Di cosa sa?
È dolce e avvolgente? E acre e pungente?
Com'è?!

L'avresti cambiato?
Avresti vissuto il tuo passato con le parole della stessa canzone che stai ascoltando? O avrebbe ancora lo stesso odore ed il medesimo colore?

Il mio passato è così nitido che, alle volte mi chiedo dove ho messo 28 anni di vita vissuta... 

Ricordo vagamente l'arrivo di Jn, ricordo le vigilie di natale popolatissime in casa della SuperNonna; ricordo che il primo giorno delle elementari la SuperMamma mi aveva dato una colombella di ciambella per la ricreazione, ma io non riuscivo a finirla e lo dissi alla maestra; ricordo che sempre alle elementari ho provato le prime piccole fitte di rivoluzione emotiva, la rabbia se la mia amica del cuore preferiva un'altra bambina, la dolcezza del finocchio, che mi fece assaggiare il mio primissimo amore che da quel giorno per me ha sempre avuto quel l'odore lì...
Ricordo un mio compleanno festeggiato alla casa al lago, e di aver involontariamente salvato un'amichetta dall'annegamento in piscina. Senza clamore, banalmente non veniva su ed io l'ho sollevata. Non siamo più state amiche.Ma penso che in cuor suo debba essermi parecchio grata.

Ricordo una gita in montagna con la squadra di Paparotto Gigiotto, ricordo un anziano simpatico signore che chiacchierava con noi bambini che si giocava, elargendo caramelle e carezze, ricordo che mi si avvicinò ed io dissi che dovevo andare, e lui insisteva perché restassi. E ricordo che era piuttosto insistente, ma io me ne andai.
Perché ero stufa di lui.
E ricordo di non averlo detto mai a nessuno, perché per me non era niente... E ricordo che quando lo raccontai alla SuperMamma, qualche anno fa, ho visto il terrore sui suoi occhi, perché lì l'ho capito cosa avrebbe potuto essere e grazie a Dio non fu.

Ricordo l'odore di ormoni sudati e pelosetti delle medie, le prime esperienza fatte di giochi della bottiglia alle feste di compleanno all'oratorio, che non ti esce mai chi vorresti baciare veramente, e ti trovi con le labbra incollate a quelle di quel tuo compagno di classe che, poverino, non è brutto, però... e poi lo vedi su facebook ed è diventato padre, e pensi che sei contenta che qualcun altra abbia apprezzato la sua bocca più di quanto facesti tu.

Ricordo l'odore dell'anfiteatro della chiesa, dove allestivamo il grest, le mie estati più dolci... lunghissime eppure così brevi da potersi riassumere in poche righe.
Il ghiacciolo azzurro rubato ai bambini, che poi a me l'anice non piace neppure particolarmente, le coccole ed i favoritismi a quelli che ti stavano più simpatici, che tu pensavi che sarebbero rimasti piccini per sempre e che ora vedi sfrecciare su 500 neopatentate.

Ricordo che mi sentivo sempre un pochino fuoriposto, ma mai quella sbagliata.
In una stanza di vaniglia ero la nota agrumata, una brezza che si faceva largo ed era proprio bello così...

Ricordo che ci sono stati altri odori, colori e storie, ma che alle volte fermarsi al passato è una brutta medicina.

Personalmente sono in quella fase della vita in cui si raccolgono le idee per buttarsi in mari più profondi, passando dal fiume all'oceano facendo anche tanto rumore, ed è una fase che ha dell'incredibile.

Mi scopro me stessa in mille modi, e me ne servirebbero ancora per potermi descrivere.
E non voglio fermarmi a chi ero, ma vedere chi potrò essere.
Ma la memoria, quella degli occhi, del naso, delle orecchie, del cuore, quelle memorie lì, io le voglio incastrare bene dentro, tra le cose risolte ma che ci sono... 

53 commenti:

  1. Risposte
    1. Per non perderle GIARDIGNO, che il cento soffia anche sulle nostre memorie!

      Elimina
  2. Le ultime righe mi hanno toccata moltissimo. Sto ragionando anche io molto su queste cose: ricordi, passato, futuro, versioni di me passate e chi sono io adesso. Non fermarmi a chi ero, ma vedere chi potro' essere mi piace proprio molto come progetto di vita :)
    un abbraccio!
    Simona

    progetto365giorni.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se siamo il nostro progetto di vita SIMONA siamo un passo avanti a tutto e tutti, poco ma certo.

      Elimina
  3. ehi, Proust! mi hai smosso qualcosa dentro :-)

    RispondiElimina
  4. E' che questa vista vissuta ci ha portate qui ed è bello e importante non dimenticarsi mai di come ci siamo arrivate!!Belle parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione GIN, non per i complimenti [non solo insomma] ma anche per il concetto che ordina di non guardare con troppa severità a chi eravamo... Dopotutto siamo proprio la somma del nostro ieri!

      Elimina
  5. Scrivi magnificamente, è davvero toccante quello che scrivi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il concetto MAGGIE a spingere forte per vedere la luce... Detto questo grazie mille!

      Elimina
  6. senza radici non siamo nessuno, e tantomeno possiamo diventare qualcuno. Ottimo trip ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono meglio del popper VALERIA, faccio sballare e venir le paranoie

      Elimina
  7. Molto molto bello questo post, personale certamente ma condivisibile, per emozioni e vissuto, da molti^^

    Moz-

    RispondiElimina
  8. Non bisogna dimenticarsi di ciò che si è, senza però rimanere fermi al passato... Bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il passato dovrebbe rimanere semplicemente passato NINA, senza rappresentare un ostacolo perpetuo... E invece...

      Elimina
  9. Io ricordo tutto. Frasi, odori, luoghi, sguardi, espressioni facciali. E ne sono davvero fiera. E' il mio personale patrimonio genetico ed il mio tesoro.
    Questo post è davvero bello Socia.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu e la tua memoria bionica siete belle Socia PRINCESS

      Elimina
  10. La mia memoria va un po' ad intermittenza. Ricordo certe cose ma non altre e mi spiace. Perchè poi quando ti senti dire "ma come non ti ricordi quella volta che?"..ecco sì, io me la vorrei ricordare.

    Però, le cose belle, quelle che per me sono state belle, ce le ho anche io tutte dentro. E guai a loro se se ne vanno! tze'! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito spesso il contrario Compare OLIVIA, ovvero che ci si fissa e non ci si slega dalle cose brutte, invece...

      Elimina
  11. Questo post è davvero dolcissimo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha anche una nota agre THANA, che però non fa paura.

      Elimina
  12. una cascata di ricordi.
    un eccesso di luce.
    quando si hanno dei segreti.
    quando non si vuole essere disturbati.
    quando chiunque altro è di troppo.
    quando si sta meglio nella penombra.
    un mondo a parte.
    una vita intera.
    come un abisso di oceani.
    ignota e misteriosa.
    come il numero delle stelle.
    sconosciuta e affascinante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla sottoscritta dedicata JEANLOUPVERDIER ?!

      Elimina
  13. A volte temo di dimenticare il passato, di rimuovere alcuni aneddoti.. mi piacerebbe sigillarli con cura ed aprire il sigillo per farmi trasportare nel passato da una canzone in particolare, da una delle colonne sonore della mia vita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I ricordi hanno la loro parte bella MANUELA, anche grazie alla loro sfuggevolezza... Che se è italiano non lo so, però rende l'idea, no!?

      Elimina
  14. Un post bellissimo e davvero profondo, un pò fa riflettere e un pò commuove, sei davvero brava a scrivere!
    Un bacio!
    s
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu S mi adori, quindi sei di parte!

      Elimina

  15. "Ricordo che mi sentivo sempre un pochino fuoriposto, ma mai quella sbagliata"
    Penso di ritrovarmi dentro queste tue parole, come si entra nella cara vecchia tuta sformata! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi è mai balenata l'idea di essere paragonata ad una vecchia tuta deformata NONA, ma mi piace!

      Elimina
  16. Ricordo tantissimi dettagli del passato, ma non mi piace guardare indietro, sono troppo proiettata a immaginare il futuro però certe emozioni fanno parte della memoria collettiva di una generazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh la tradizione PE è uno scrigno al quale attingere a piene mani, sebbene in molti paiano quasi pavidi di fronte allo sbandieramento delle proprie origini...

      Elimina
  17. io ricordo sempre troppo.
    portatemi alla Lacuna Inc, please...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La memoria da elefanti SIGNORINA EFFE è una brutta patologia!

      Elimina
  18. sentirsi fuoriposto se ci pensi è una sensazone magnifica...un bacio ady
    ubiquechic.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo ADY... Sempre per lo stesso concetto percui se sei fuori posto un posto lo devi trovare!

      Elimina
  19. buon weekend (: Reb, xoxo.

    * Nuovo post dedicato a una delle nuove tee
    di TeeTrend, fammi sapere cosa ne pensi:
    http://www.toprebel.com/2013/07/swag-life-tee-trend.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. REBECCA sai che quando posso vengo... Non occorre pubblicizzarti

      Elimina
  20. che bellezza questo post.
    buon fine settimana Ali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa che sentivo forte dentro PI!

      Elimina
  21. Senza parole *___* :°°)
    Voglio fare quest'esperimento anche io, magari metto ordine nella mia vita ;)

    Grazie Pata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice del tuo impegno per un tuo mondo nuovo e migliore MISSSTUFFO, e credo nelle potenzialità e nell'impegno che metterai nel trovare le risposte!

      Elimina
  22. Senza parole *___* :°°)
    Voglio fare quest'esperimento anche io, magari metto ordine nella mia vita ;)

    Grazie Pata!

    RispondiElimina
  23. Ultimamente, anch'io volgo spesso lo sguardo all'indietro, ma hai ragione tu, bisogna guardare anche avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è solo normale ATA, è legittimo e rincuorante, il plauso alla caoticità che dentro di noi alle volte e impegnativa oltremodo...

      Elimina
  24. I ricordi sono preziosi, l'importante però è saperli conservare con cura senza riviverli all'infinito. La vita è tutto quello che hai davanti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il passato e molto suadente LILA, rischia di arpinarci con le sue lusinghe di cose belle ormai trascorse ed andate...

      Elimina
  25. Un bel viaggio questo tuo post... la memoria del passato ci aiuta a capire sempre chi siamo e quanti volti abbiamo... il passato d'altronde no siamo nient'altro che noi e ha costruito il nostro presente... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo STRAWBERRY, un viaggio importante fino alle nostre radici più profonde, quelle che ci congiungono alla visione più vera di noi stessi!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!