lunedì 6 maggio 2013

Vale la pena vedrai...

Penso che da qui al 16 maggio le cose dovranno capitare in modo più ragionato e ragionevole.

Mi appresto a spegnere 28 candeline, e sento questa responsabilità che imperla il mio coppino di sudore.

Io preferisco i numeri dispari.
Però, per non fare quella che compie anni doppi o che fa il compleanno una volta ogni due anni, mi sono dovuta adeguare alla massa.
Uno strazio.

Se è vero che la fine dell'anno è il tempo per eccellenza del bilancio, è altresì vero che l'avanzare degli anni è un bel banco di prova da riflessione time.

Non me ne frega granché di fare quella che rispolvera la sua bambinesca concezione dell'io adulta, anche perché sarebbero spranghe sui denti e baci di dama dolci e copiosi (paragone pasticcere che mi perplime... Non è che i baci di dama mi facciano sto effetto...), insomma il solito contraddittorio cazzodicasino!

Un anno fa (non) spegnevo nessuna candelina compleannesca però i 12 mesi successivi li avevo pittati in un determinato modo ammetto.

Non è successo molto di quello che mi profilai, ma è stato un anno che, tra calci in culo e profondi orgogli, mi ha regalato 12 mesi intensi, degni di essere vissuti.

Ci pensavo tornando da una festa domenica.
Figuratevi l'evento: chiccccchissima presentazione del libro dei Murr e delle nuove collezioni in un negozio della Brescia più che bene, io ho un paio di Richmond assassine fucsia e rosse sotto un jeans ed una felpa arancio.
Viene con me la Lucinda (eredità delle Spaziali) che li viene venerata come una dea in terra, ed io faccio tutta giuliva la paggetta.
Mentre i Murr (simpatici davvero e non per posa) finiscono la presentazione e mi fanno scoprire che ho un fisico a banana, mi si spezza di trancio il tacco delle assassine.
Vacca gallina impestata.
Stoica ed eroica me la cammino (non chiedetemi come siate clementi) verso di loro e mi faccio fare la dedica sul libro.
Segue chiacchierata piacevole col bell'Antonio che mi definisce un'anima positiva ed energica!
Parliamo del MIO blog e dei miei piedi spettacolarmente inguainati (NON SI ACCORGONO CHE CAMMINO SULLE PUNTE, che figansci che sono!) e poi beviamo un succo d'ananas e mangiamo un macarons alla fragola ed uno alla Nutella; vediamo le spettacolari pelli di Fendi (fallo in love per una scarpa che pare una scultura ed un portafogli arancio) e poi me ne vado a mangiare un gelato (quasi) gigante con la SuperMamma.
Entro in auto e metto, a canna, "Material Girl" di Madonna, che mi sembra adeguatissima e like a dream mi attardo in un pensiero bello... 

Poi ieri l'evento podistico che ha aperto la manifestazione per raccogliere fondi per il reparto di Fibrosi Cistica di Brescia... 
Tantissimi amici mobilitati, 240 partecipanti, soddisfazioni belle spesse, il tutto si consuma nel giro di poche ore, ed io mi ritrovo senza voce, con gli occhi a fanale ed un bisogno allucinante di cemento (allergia allergia canaglia...) però FELICE!
Perché vale, e noi valiamo, e non è la pubblicità dello shampoo ma un dato di fatto che sprona e sconvolge, che ha il sapore di un mega hamburger con il guacamole, che tu manco sapevi che ti potesse piacere, e di gelato al limone con la panna montata, che è improbabile ma è... 

Le cose per cui vale la pena ci sono.
E pur non essendo maestosamente volte all'eccezionale, hanno un peso che è dolce da portare!

Arriveranno anche quelle che sconvolgono, ma questa è un'altra storia.

42 commenti:

  1. Beh be, come dici lascia perdere quelle che sconvolgono e goditi quelle belle :) Felice della tua felicità! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille CERVELLO, lo stato di grazia ce lo si gode..

      Elimina
  2. Capita a volte di non vedere ciò che c'è di bello nella propria vita;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NINA io sono un'essere umano banale che ha imparato una lezione eccezionale: non amare e godere delle cose quand'esse sono rimpianto...

      Elimina
  3. Bisogna sempre vedere il bicchiere mezzo pieno Pata...

    RispondiElimina
  4. Soltanto chi sa apprezzare la felicità delle piccole cose può capire e godere di quella che danno le cose più grandi!
    Sono felice per te Pata! Anch'io spegnerò le mie 28 candeline a breve, per la precisione l'ultimo giorno di maggio... come te, ancora non ci credo, questo 28 mi pesa un po', ma sono così tanti i sorrisi che mi rendono di dieci anni più leggera che anche questo numero merita di essere festeggiato!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No a me non pesa RAFFAELLA, non mi pesa affatto, anzi questo anno in più porta la promessa di nuove cose belle e di avventure che hanno un senso!

      Elimina
  5. 16 maggio? che coincidenza, è il mio giorno preferito in assoluto, il giorno in cui è nata la mia mini <3 buon compleanno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh allora chissà che personcina speciale è MINICHIC! Però per gli auguri è troppo presto!

      Elimina
  6. Quando poi si fa un bilancio ci si rende conto delle soddisfazioni, delle conquiste, del bello che quando ci passa sotto il naso spesso ignoriamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero MAREVA? E si è sempre bravi a rendersene conto quando il mondo è rosa attraverso i nostri cuoricinosi occhi... Mentre io vorrei averne perenne percezione

      Elimina
    2. Non sai quanto ti capisco.

      Elimina
  7. Risposte
    1. Questione di gusto JEANLOUPVERDIER, ma se me ne ricordo un paio so che uno lo sto vivendo...

      Elimina
  8. Quasi quasi dopo questo post torna l'ottimismo anche da me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia PRINCESS ci è toccato in sorte qualche tribulamento extra ma non dobbiamo demordere!

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. il tacco non ha retto alla tua incredibile forza d'animo... pesa, sai? :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vacca gallina se lo so NONSENSESPOT! ;-)

      Elimina
  11. Il tacco rotto mi manca! Ma sicuramente a breve rimedio di questa mancanza, dato che un tacco di un paio di scarpe lo sento un pò "deboluccio".
    E tutto ciò mi fa sentire ancora più grassa. Oh God!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hamburger del sabato sera MISANTROPHIA, eh?!?

      Elimina
  12. Quanti bei ricordi..^-^ E tanti auguri! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per glia auguri e prestino THANA, oggi sono ancora 27!

      Elimina
  13. E' vero bisognerebbe imparare a godere anche delle piccole cose...Però ogni tanto anche qualcosa di "sconvolgentemente" bello potrebbe anche venire a trovarci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah noi non si punta a nulla di meno MEMOLEMEM

      Elimina
  14. goditi tutto!!! IO a ventotto anni non avevo ancora la mia diciottenne figliola e mi divertivo come una pazza con mio marito già marito da tre anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ROSENUOVOMONDO la convivenza e la quotidianità con Brivido ha già qualcosa di bellissimo...

      Elimina
  15. un'altra pronta per andare al ricovero.... ufff

    RispondiElimina
    Risposte
    1. KERMIR reparto psichiatria intensiva, no?!

      Elimina
  16. Che bel post, deve sempre essere otimista
    Baci Baci J&J

    http://couturetrend.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fa del proprio meglio JESSICA!

      Elimina
  17. Sempre concentrarsi sulle cose belle, cara Patalice! Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una priorità CHICCHI ma poi succede che a volte no... Ma alla fine si!

      Elimina
  18. Passa da me che c'è un premio per te!!!
    www.quellocheunadonnadice.blogspot.it

    RispondiElimina
  19. Pensa a me, che invece quest'anno cambio prefisso!!
    Ma alla fine, che importa... basta sapere cosa è buono e cosa no, e tenerci stretti le cose positive.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo MOZ! Tenersi strette tutte quelle cose che regalano emozioni vere!

      Elimina
  20. anch'io non vivo molto bene le vigilie dei miei compleanni (sopratutto quelli in "numero pari").

    ma coraggio.
    te lo dice una che ha fatto 15+15+1 :-)

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine ogni giorno che passa ci regala qualcosa che ha del meraviglioso NONSIDICEPIACERE no!?

      Elimina
  21. sono contenta per la riuscita dell'iniziativa!!! io la vigilia dei miei compleanni la vivo con fastidio... penso sempre che un altro anno è passato... e anche 'sto giro non ho combinato granchè... spero che per te sia meglio invece!!! un abbraccio!

    RispondiElimina
  22. Si effettivamente KANACHAN il mio
    Modo di affrontare la ricorrenza è meno fallimentare. Oggi che sento più sicurezza in me e nei miei mezzi!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!