mercoledì 8 maggio 2013

Si alzi il sipario

Che poi io volessi fare il Dottore da piccola era prevedibile.

Ero attratta dal camice bianco, ed il sangue non mi faceva affatto paura.

In più frequentavo più del voluto, quindi...

Però non è sempre stato così, sebbene "Grey's Anatomy" ed i suoi stupefacenti e fighissimi e prestantissimi dottori, mi abbiano fatta vacillare, ed ancora oggi mi attanaglino.

In seconda media o giù di li, il mio film del cuore era "Grease".
Forse lo è ancora adesso, ma all'epoca (si sono attempata abbastanza da potermi permettere l'espressione) era un'ossessione: sapevo i dialoghi a memoria, e ne adoravo i costumi e gli usi, sebbene non li capissi al 1000x1000, soprattutto quando il doppio senso diventava palesemente volgare...

Così andai dal mio pretamico e gli dissi che sarebbe stato fenomenale per noi "giovanissimi" confrontarci con una prova teatrale.

Il mio pretamico aveva un po' il pallino della regia, ed aveva già messo in scena alcuni spettacoli veramente belli con gli adolescenti del paese, così mi appellai al suo talento con un lecchinaggio stoico, unitamente al fatto che nei miei secoli dei secoli, non trovarmi irresistibile è I M P O S S I B I L E, quindi lo persuasi che eravamo pronti.
Perché si sa che a 12 anni si acquisisce una maturità della Madonna!

Fu così che mi diede retta e si inventò Grease.
Io ero elettrizzata.
Ricordo ancora che gli scrissi TUTTI i dialoghi del film per la sceneggiatura (giuro che è vero!) e che nella mia testa la prima si vestiva di tappeto rosso e di presenze importanti.

Io mi candidai per il ruolo di Rizzo.
Che bel momento.
L'unica vera parentesi di troiaggine della mia casta esistenza.

La mia amica del cuore EducattriceRitrovata era Francy, e Sandy la faceva una nostra pseudo amica dalla voce canterinamente portentosa.

Ricordo i mesi delle prove, il lunedì sera, con l'adrenalina sparnegata in ogni anfratto di me, e quella generale stra carica di aspettativa entusiasta.

Ci furono due messe in scena, pazzesche e spassosissime, ed io mi convinsi, osannata come la vera star, che avrei dovuto rendere giustizia al mondo sotto le luci della ribalta.

Voi crederete che il mio senso della realtà, usando io espressioni come "all'epoca", sia stato inficiato dal logorio del tempo, ma giurin giurello, mi fecero davvero passare come la Sarah Bernard della provincia.

Da li allo spettacolo successivo, il passo fu breve.
Il successo del nostro "Grease" e della rappresentazione fatta da "Quelli più grandi" portarono quell'ambizioso del Pretamico a mettere in scena "Fame" in una coesione tra gli attori dei due spettacoli ed un corpo di ballo.

Io sostenni un provino per Doris, la protagonista, giocandomela con la nostra Sandy e la stella dello spettacolo dei grandi.
Fui scelta io.
In sede feci la finta umile, ma davo un giro e mezzo a quelle sciaquette!

Il ritmo qui era più serrato e le scene più impegnative, e a me piaceva tantissimo stare nel centro dell'azione.

Quelli più grandi mi presero piuttosto in simpatia, e lì ebbi il primo contatto col Patatino, che era il protagonista maschile, e dei cui jeans inverosimilmente stretti ridacchiavo con l'EducAttrice.

Passò qualche mese, e venne fuori che il Pretamico sarebbe stato sostituito.
Fu un colpo, umanamente la mia adolescenza venne rivoltata come un calzino e dello spettacolo non se ne fece più nulla.

Mi staccai dalla quella realtà oratoriale che avvertii come traditrice e deposi le aspirazioni teatrali nel doppiofondo di un cassetto, nonostante io abbia mantenuto una certa teatralità nelle mie azioni!

Insomma avete perso tutti l'occasione di una mia Medea o di una mia Blanche.
E non penso questo fatto possa farvi riposare come si deve la notte!

31 commenti:

  1. novità??? faccio il tifo per te <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FLOWERMOON speriamo... Ancora viviamo di sensazioni e punti interrogativi!

      Elimina
    2. Anch'io volevo chiedertelo! Ti ho pensata oggi! Vai PATA!!!

      Elimina
  2. comincio da oggi a prendere le gocce per dormire ... ;-)

    secondo me non è ancora troppo tardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo GIARDIGNO65 procuratele perché ne serviranno!

      Elimina
  3. Be' ma a questo punto, io tifo per un tuo ritorno sul palco!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah compare OLIVIA meglio di no...
      Diciamo che ormai gli orizzonti hanno cambiato colori...

      Elimina
  4. avrei fatto sta centinaia di km a piedi per vederti nella Medea.
    ... rimango in speranzosa attesa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continua a tenere le ditina incrociate NONSENSESPOT e le preghiere connesse.

      Elimina
  5. Uaa ma che peccato! Ma non potevano farlo lo stesso?! Che pacco.... :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo precipitò tutto in una sorta di limbo CERVELLO...

      Elimina
  6. Anche io da ragazzina ho frequentato più del dovuto i medici. Oltre ad innamorarmi di tutti i camici bianchi piacenti che incontravo mi prese un'insana passione per la disciplina. Fortuna che mi è passata, con la mia ipocondria sarei morta d'infarto attribuendomi tutte le malattie che avrei studiato!

    In ogni caso Pata TI RIVOLGLIAMO IN SCENA!

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia PRINCESS se fate così mi costringete a prenderlo seriamente in considerazione ;-)

      Elimina
  7. noooooooooooooo!!! mi strappo i capelli per la perdita della tua .... possibile famosità da attrice....
    me ne farò una ragione
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicura che ce la fai SANDRA?!
      No perché ti mando una spalla su cui piangere altrimenti...

      Elimina
  8. anch'io ho avuto una fase di adorazione per Grease, più o meno alla stessa età!! (siamo coetanee? :) ) E anch'io conoscevo le canzoni parola per parola (e anche i dialoghi) - anche prima di conoscere davvero l'inglese ;) ... La cassetta (già, all'epoca esistevano le cassette) di Grease è stato il mio primo acquisto musicale autonomo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..eh ma CHICCHI sei stata a vederlo a teatro con la Cuccarini?! No perché io pure quella mi sono inventata...

      Elimina
  9. Come tarpare le ali a giovani promesse. Mannaggia all'oratorio e ai trasferimenti.

    Anche io volevo fare il medico. Nella fattispecie il chirurgo. Poi in seconda liceo mi sono incontrata con la biologia. E sono finita a fare l'umanista.
    Ma ER rimarrà sempre la serie tv del mio cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò MAREVA che il mio scontro con la matematica vera alle medie già ebbe un ascendente negativo sulla mia idea di fare il dottore...

      Elimina
  10. Abbiamo una cosa in comune: Rizzo!!!!! L'ho interpretata anch'ìo qualche tempo fa, ho ballato x 20 anni, studiato teatro (in particolare musical) e d'estate facevo l'animatrice turistica ed ho avuto la fortuna di interpretare il mio personaggio preferito!!!!!! E' stato un sogno divenuto realtà!!
    Chissà, magari un giorno ci troviamo su qualche palco insieme.....bello sognare!!!ahahahah!!!
    Un abbraccio
    Letizia

    RispondiElimina
  11. Cavoli, una carriera brillante tarpata da Santa Romana Chiesa che ha trasferito il prete!!
    Ma a questo punto potevi prendere tu in mano le redini di tutto :)

    Moz-

    RispondiElimina
  12. E dopo questa escalation...ci aspettiamo di vederti sul palco! E noi ci saremo Rizzo! :)

    RispondiElimina
  13. Noooo, il PretAmico doveva lottare per rimanere!!

    RispondiElimina
  14. "L'unica vera parentesi di troiaggine della mia casta esistenza".

    Stesso destino! ahahahahahahahaha

    RispondiElimina
  15. i preti vengono sostituiti ogni tot anni (tranne i pedofili :D) comunque non è mai troppo tardi per fare teatro!!

    RispondiElimina
  16. Wooowww!!!

    Grease e Fame i miei preferiti, soprattutto Fame.

    La recita non fa per me, ma il canto è tutta un'altra storia.
    Se avessi recitato avrei fatto la parte della cantante ovvio!

    Un salutone

    RispondiElimina
  17. un vero peccato che tu abbia rinunciato, se eri così portata ed eri così appassionata avresti dovuto continuare! Hai, però, fatto bene ad abbandonare l'oratorio!
    Grazie del commento, spero di rivederti presto nelle mie pagine virtuali :)

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia Grease!!!Io quando non guardavo grease guardavo Dirty dancing!!
    E piu' che il medico sono sempre stata intrippata con i gialli...quindi per me detective hanno avuto sempre il loro fascino!!

    RispondiElimina
  19. Mi hai fatto ricordare un'esperienza molto simile, di quand'ero una ragazzina di 15 anni (e bei sogni). Ho ADORATO il palco e, anche se non mi avevano presa per fare la protagonista (non abbastanza figa io), avevo stupito tutti calandomi nei panni di una vecchietta. Con tanto di capelli ingrigiti con lo spary e vestiti della nonna. Sono tornata sul palco quest'anno, dopo più di 10 anni, ed è una delle poche cose che ha dato un senso a questo mio stallo. Tornaci anche tu! :-)

    P.S.: GRAZIE per i tuoi commenti sul mio ultimo post Viacolventesco Patalice. Hai ragione, qui si deve ripartire. Da me. :-)

    RispondiElimina
  20. Mi sa che da grease ci siamo passati tutti!!Noi abbiamo fatto Summer Night per il saggio di fine anno a scuola e ci hanno chiesto pure il bis!!
    Sono cresciuta con Candy Candy...quindi ero orientata piu' sul voler diventare infermiera...poi è arrivato Private Practice...E sogno di "diventare" una donna come Addison Montgomery per lo stile l'eleganza,la bellezza,il fascvino lo charme...ma sono ancora molto,molto molto lontana!!

    RispondiElimina
  21. Anche io volevo fare il dottore da piccola..
    Poi un giorno sono andata in ospedale a trovare mio nonno e ho visto delle foto alle pareti che mi hanno fatto rabbrividire..

    Ovviamente ho cambiato idea subito.. :(

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!