mercoledì 13 marzo 2013

dal lato giusto

...se, in venti minuti di colazione, ti cade ripetutamente la marmellata sia dalla fetta biscottata che dal coltello con cui spalmi la stessa, è presagio di sventura?

No perché se lo è io sono segnata da un funestissimo destino...

Scherzi a parte la mia settimana è destabilizzata da quel babbeo di brivido, che ha un'infrasettimanale calciofila e quindi gioca giovedì, oltre che domenica; mi ha quindi chiesto di poter essere assolto per l'appuntamento cinema della settimana (quello che condivido con Jn) ed io non rispondevo per malavoglia...
Mi piace starmene per i cacchi miei con mia sorella, che poi se ci sono anche gli uomini noi si è abbastanza scialla, però non del tutto, cioè si ma no, cioè avete capito, cioè se dico ancora una volta cioè denunciatemi all'accademia della crusca!

Dall'impasse ci ha levate la stessa Jn, che ha proposto giovedì, così il piccolissimo ribaltamento non modificherà poi molto, si, potremmo perderci quel raffinato film da the delle 17 in compagnia dei reparti di geriatria del mondo conosciuto, che è "La Cuoca del Presidente", ma so che si troverà con che sostituirlo...

Sabato abbiamo visto "Il Lato positivo" e mi è piaciuto.
Mi è piaciuto davvero!

Sono contenta che Oscar abbia deciso di andare a film che non chiedano per forza di cosa un supporto psicanalitico dall'inizio alla fine, ma che sia questo che "Argo(vaffanculo)" abbiano ricevuto i giusti complimenti... 

Non che voglia sputare, io visionatrice di pellicole al di là del tagliuzzamento venale, sui film polpettone di altissimo livello, però vedere l'ex teenager di Hunger Games che si fa un mezzo carpiato sulle scale del Kodak theatre mi ha dato un nonosoché di piacevolissimo! 

E andiamo ciarlando di questo lato e della sua positività.
C'è lui, Bradley Cooper in spolvero di follia, che coglie la moglie in fragranza di tradimento e sbarbella in modo grave, così lo mettono in un istituto di igiene mentale, dal quale una volta uscito per beneplacido della madre amorevole, è diffidato dall'avvicinarsi al liceo dove lavorava e dalla casa della sua ex.
Tornato sotto il tetto dei genitori, si deve scontrare subito con un padre (meravigliosamente interpretato da Bob De Niro) scaramantico, compulsivo, burbero ed iracondo, affaccendato in traffici sportivi poco leciti, e con il suo particolare modo di amare spassionatamente quel figlio dalla testa bizzarra.
Le sedute psichiatriche che accompagnano il protagonista, gli insegnano a prendere il contatto con una realtà fatta non a suo uso e consumo, ma che a prescindere da ciò deve essere affronatta in modo positivo, e così inizia la sua corsa, con tatto di sacco dello sporco pro dimagrimento addosso, per riconquistare la moglie del quale non riesce a togliersi da dosso l'ossessione.

La conoscenza con Tiffany (la fanciulla cascata dalle scale alla notte delle statuette) cambia tutte le carte in tavola, lei e la sua storia tragica affrontata con una laconica ironia, fanno si che si trovino, due sventurati dal carattere bizzarro, a scegliere di equilibrare il caos a loro modo e coi loro dictat.

Un film contro la perfezione che smonta la vita.
Citazione che ho rubato non so dove dalla websfera, e che penso calzi a pennello su quanto ho visto, ma sopratutto ho percepito.

L'equilibrio del caos.
Un ossimoro che lascia sospesi in una dimensione in cui abitare non è semplice.
ma nella quale mi trovo a dare il meglio di me, e a dire meglio chi sono.

Lo so che tutti, donne in primis, sentono di avere qualcosa di elegiaco, che le solleva rispetto al resto delle menti, e le fa sentire dannatamente impegnate ed impegnative, e so che la maggior parte delle volte queste cose non sono altro che pensieri d'aria fritta, ma quando penso a me vedo un ordine imbarazzante col quale mi presento e tengo gli spazi in cui vivo, e poi mi affaccio nella mia testa e vedo il disordine, la confuasione l'irrisolutezza... 

E da chiedermi mi viene...
Ma il lato positivo può davvero essere la panacea che ci rimette a posto col mondo?
Ci può essere la situazione tale in cui ci si possa stupire di credere che arrivi qualcosa di bello, ma bello davvero?

30 commenti:

  1. Film che merita, davvero. Divertente e amaro. Da nodo in gola e da risata con qualche lacrima.

    E io al lato positivo ci credo davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lato positivo c'è, dobbiamo cercato e meritarcelo MAREVA, poi non sempre accade come nel film che alla scelta di vedere così, corrisponde l'immediatezza di visione, però perché non sperarci!?

      Elimina
  2. bene via grazie di questa rappresentazione del film..nn l'ho ancoa visto ma adesso motivo in più x andare.
    Ah per la questione fette biscottate siamo in sintonia le mie cadono e si spezzono sempre :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che nervoso quando accade DOTTORESSAMARZIA!

      Elimina
  3. Bene cara Patalice, un bel racconto di questo film, le sorprese non mancano mai e spesso sono divertenti.
    Per conto della marmellata a me capita pure! E anche molto spesso...
    Ma come vidi sono sempre qui pieno di umorismo, e sorrido per tutti voi.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace che hai sempre una parola buona ed un sorriso pronto TOMASO, sono aspetti fondamentali per la ricerca della felicita

      Elimina
  4. ciao cara, io sono stata pessimista per parecchio, forse perchè avevo sempre intorno gente che si lamentava per ciò che gli mancava e non era mai contenta di ciò che aveva, poi, molto tempo fa, ho cambiato modo di vedere le cose...e funziona, trovo sempre il lato positivo anche con lo scazzo più potente.
    Il film mi è piaciuto molto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le persone che ci stanno intorno inevitabilmente ci influenzano e ci fanno prendere determinate direzioni. Personalmente THEQUEEN non sono mai stata un raggetto di sole, ma ultimamente ho molto cambiato prospettiva!

      Elimina
  5. Questo post rende perfettamente l'idea dell'ordine imbarazzante :-). Hai un modo di scrivere deliziosamente sui generis, frizzante e informale, poi spari sul finale una domanda che ha un che di filosofico e alla quale rispondo sì. Coltivare la speranza di qualcosa di bello, essere positivi e propositivi verso la vita aiuta tantissimo, secondo me, ad affrontarla nel modo giusto. Lo stupore che ci può cogliere quando ciò che avevamo sperato accade realmente penso sia proprio l'essenza della vita, che spesso ci folgora con eventi inaspettati e piacevoli. Troppo caotica ;-)? Baci, Pata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che ci accomuna l'accumulo di caos ROSMJ ma per me sei stata proprio nitida!
      Mi fa piacere riuscire a "passarti" questo mio mare dubbioso ma travolgente, ci tengo sempre e non sempre posso essere compresa, per leziosità mia, e di nessun altro. La felicità dello stupore inatteso? L'attendo!

      Elimina
  6. Il film mi è piaciuto davvero parecchio e ha riabilitato ai miei occhi Bradley Cooper che, francamente, non mi aveva mai detto granché.
    Io non sono una da lato positivo, però mi dò sempre molto da fare, non mi dò mai per vinta. Quindi forse compenso con i fatti una positività di carattere che non mi appartiene.
    Boh. Forse non s'è capito niente. Non c'ho capito niente nemmeno io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo tutte dotate di una buona parte di sostanza frammentaria COSECHENONESISTONO, il che ci rende dolcemente complicate...

      Elimina
  7. L'equilibrio del caos. Interessante e intrippante mia cara. Penso che lo vedrò. Bacino...e w la legge di Murphy! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uno dei concetti che sento più vicino a me BERRY, ed il film ha rafforzato la questione!

      Elimina
  8. Non ho visto il film, ma spinta dalla curiosità e dal lato positivo che non riesco mai trovare nel mio vivere... Non mi lascerò scappare l'occasione

    Grazie mille
    Lieta sera
    Senty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provare per credere SENTY!
      Non ti dico che riabiliterà il tuo modo di guardare, ma comunque ti lascerà una prospettiva che non ti aspetti...

      Elimina
  9. Voglio vedere quel film! sisisi!

    RispondiElimina
  10. Anche due miei amici han visto Il lato positivo e me ne han parlato bene...!^^

    Il lato positivo non so se sia la panacea che ci rimette a posto col mondo, ma forse ci rimette un pizzico a posto con noi stessi ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te ne abbiamo parlato bene in tre MOZ ed ancora non sei andato a vederlo!? Pessimo...

      Elimina
  11. "Il lato positivo" voglio troppo vederlo!

    RispondiElimina
  12. Ciao piacere di conoscerti...molto carino il tuo blog!!!!da oggi nuova follower.... ti aspetto nel mio salone di bellezza.... :-) tutto per snob!!!!ihihihihih

    http://karinacosmetic.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva la KARINA new entry! Ciao cara

      Elimina
  13. Anche a me il film è piaciuto molto e poi sono una fan di Bradley fin dai tempi di Alias!
    Per il resto direi che la giusta via sta sempre nel mezzo, che non è sano essere ottimisti a priori, ma neppure circondarsi di un'aurea pessimistica cronica e che io, fra il bicchiere mezzo pieno e quello mezzo vuoto, vedo che in ogni caso c'è un bicchiere da lavare ;)

    xoxo - L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Converrai LILA che il bicchiere da lavare pende un po' a pessimisticlandia però...

      Elimina
  14. ne sono convinto! Peccato io sia sempre dal alto opposto ultimamente

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!