mercoledì 14 novembre 2012

Riflessionatamente

...prima spazzo le foglie gialle...
...poi acquisto le decorazioni di natale...
...prima tolgo di mezzo il passato...
...poi mi guadagno il futuro...

È stata una sensazione strana, sibillina ed avvolgente, contraddittoria insomma, e prende sempre i natali dal MIO concetto di rassegnazione.
Deporre ciò che è stato dove dev'essere, nella memoria e nei ricordi, ed accettare ciò che verrà rendendo confortevole l'ambiente in cui abiterà.

Ho parlato con Brivido.
Gli ho detto che fare la mamma mi mette paura, perché non si può partire e progettare una casa se architetto e geometra non sono sulla stessa lunghezza d'onda.
"Se dovessi peggiorare, e non ce la potessi fare, sai che ti ritroveresti con un bambino ed una moglie malata da accudire?" 
Ha messo tutto in conto, dice, scegliendo me. Si farebbe aiutare da SuperMamma e Jn, qualora necessitassimo, ma mi ha anche detto, e se fossi io quello da curare? Se facessi un incidente o mi prendesse un accidente? Tu hai la percentuale più alta, ma non il 100%!

Mi ha toccata la ragionevolezza di mio marito, mentre mi lasciavo travolgere dalle mie paure costanti, lui rimaneva lì, baluardo sicuro del porto in cui gira e rigira sono sempre!

Bene, nel pieno del fervore pre natalizio io consumo i miei giorni cercando di non farli scadere, cercando la giusta chiave di lettura per me... Che ho un codice criptato, ma che da qualche parte ce l'avrò anche io l'accesso, no?!

Quindi mi domando e chiedo...
Su cosa posso progettare, per tenere la testa ancorata a qualcosa che non sia una gravidanza?

Il Grillo Parlante insiste nel suggerire università-università-università... 
e quel Grillo Parlante somiglia in modo impressionante a Paparotto Gigiotto, che porta validissimi argomenti, per altro!
Ma non lo so, forse la spinta giusta è quella da dare ad un diesel, devono scaldarmisi gli ingranaggi prima di mettersi in marcia, è che sono della generazione del "tuttoesubito" faccio fatica a scioccare le dita senza un rendiconto... 

C'è la cliente che parla politichese, e che dice che sarei IL cavallo su cui puntare...
Ma io non so se sono schierata da quella parte, che poi starebbe a centro, ma io nel centro ci ho sempre creduto poco; per me la vita si risolve tra il nero e il bianco, il grigio è poco contemplato... 

La vocetta timorosa della passione dice: "SCRIVI DANNATA RAGAZZA!" - "Ma io lo faccccciooooo!" piagnucolo - "Si, fenomeno, ma mica per te! Mettiti alla prova, datti la possibilità di essere criticata, anche umiliata magari, ma prenditi le tue responsabilità, mettiti in gioco porco tacchino! " - "Cos'ho da dire alla gente che non possa già trovare altrove?" qui tace. 
Poi dice anche che se lo ha fatto Cassano posso anche io, ma questo è un altro paio di maniche... 

Un nuovo moto esistenziale sarebbe anche la vocazione alla casalinga, nei cui panni mi trovo comoda, elegante, a mio agio insomma! 
Condizione sine qua non sarebbe che Brivido guadagnasse abbastanza per entrambe... che poi una casalinga senza figli... che poi mi sto già deprimendo... ecchecccazzo di idea... 

Come potete vedere sono ben messa...
Ho varie opzioni, sto scandagliando le opportunità.
Sono impari, d'accordo, ma non demordo nella ricerca, insomma
 

POTERE DELLA BOTTA DI CULO VIENI A MEEEEEEE!!!!

40 commenti:

  1. Quando leggo certi racconti, mi chiedo come mai a me la vita sembri molto facile da vivere. Mi spiego: nel lavoro mi impegno e quel che arriva arriva, amore è arrivato e vivo la storia con convivenza fresca fresca inclusa e vedo come va, passioni cerco di coltivarle dedicando il tempo che posso, figli se arriveranno bene se no chissene. In tutto questo non ho progetti nè obiettivi, faccio la barchetta portata dalle onde in mezzo al mar. Se c'è tempesta cazzo la randa e cerco di prendere il vento senza scuffiare, se mi rovescio ritorno su e butto fuori l'acqua, finchè torna il sereno. Ma serve per forza un piano nella vita? un qualcosa da raggiungere o da diventare... secondo me no. O forse io sono strana e non ne sento il bisogno. Il bello è qui e ora, a pranzo vedo un'amica, stasera vado in palestra, l'anno prossimo chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ALICE, posso chiederti una cosa?! Sono seria e non ti prendo in giro... Ma come fai?! Dico sul serio! Io mi sento trafiggere da un sacco di dubbi, incertezze, ...menate! Non ce la faccio!

      Elimina
    2. Non c'è un modo, non ci penso e basta. Ho lasciato quei dubbi e menate ad un certo punto della mia vita, quando ho affrontato la malattia e la morte di mio zio, dopo un anno di Erasmus che mi ha aiutato tanto a crescere. Il fatto è che non abbiamo controllo su niente a questo mondo, magari su dove mangiare stasera si, ma sul resto... quindi inutile affannarsi. E' solo una consapevolezza, molto utile. Certo anche io faccio progetti e sogni per il mio futuro, ma magari oggi mi vedono in un posto, domani chissà. Quando mi capitano situazioni complicate, in cui devo scegliere, vado a "istinto" e seguo il cuore, senza considerare le cose in modo troppo razionale, tanto la piega degli eventi non si prevede.

      Elimina
    3. Spiazzata dalla lucidità ragionevole di una visione tanto differente dalla mia ALICE. Sicuramente mi hai dato di che pensare, ah in relazione al post successivo, la disquisizione con Jn è stata generata proprio dal tuo commento.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Siamo innamorati noi due VALERIE, e mamma e sorella sono un validissimo sostegno!

      Elimina
  3. io voto per l'opzione "SCRIVERE". sei brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io AUDREY te ne sono riconoscente, non è detto che così non sarà!

      Elimina
  4. Anche io quoto per lo "scrivere".. il talento non ti manca e gli argomenti nemmeno quando meno te l'aspetti tutto arriverà ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh EVA, sai che la mia natura di cazzara concede mille e più sbocchi...

      Elimina
  5. se mettevì solo peter griffin vestito da sailor moon si sarebbe capito tutto senza scrivere tutto questo papiro! XP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metto le figure appositamente per un tempo di lettura abbreviato KERMITILROSPO

      Elimina
  6. Risposte
    1. ...se son brava NONNA PAPERA, poi merito un manicaretto, vero?!

      Elimina
  7. Scrivi bene e sei schietta.
    Hai un linguaggio moderno che riesce a fermarsi sempre una virgola prima della volgarità.
    Tenta, questo mondo non è facile, ma tenta.
    Chi è famoso una volta non lo era.
    Ci ha provato e poi ha avuto una gran botta di culo, come dici tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e vuoi vedere ATA che il mio gluteo si insinua tra gli insigni?!

      Elimina
  8. sei bravissima..tutto arriva e arriverà..non smettere mai
    un abbraccio
    http://color-blockbyfelym.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. Intanto ti dico.. progetti?? diciamo meglio non farli.. vannos emrpe a puttane.. Meglio cogliere ciò che arriva giorno per giorno.. anche se non è affatto facile!!! Io consiglierei di buttarti nello "scrivere" da quel poco.. ho capito che hai talento.. così a me pare!!! Baciotti

    RispondiElimina
  10. Ogni cosa a suo tempo.
    Si fa presto a parlare, ma per una cosa del genere bisogna essere pronte!

    RispondiElimina
  11. Cara amica, scrivere non è mai alternativo ad altre occupazioni, anche se lo farai per altri e non solo per te. Qualche soldo bisogna pur portarlo a casa e quindi io ho scritto due romanzi e nel frattempo ho condotto la mia ordinaria vita da neolaureata in ingegneria. Dunque, scrivi dannata ragazza !!

    RispondiElimina
  12. Adoro Brivido,per quello che ti ha detto,per come te l'ha detto e ha ragione...Per il resto scrivi,e vivi,e fai la casalinga e spazza via le foglie per far posto agli addobbi!!

    RispondiElimina
  13. Non è un momento facile e le donne hanno enormi difficoltà ad entrare in certi meccanismi. Non so cosa consigliarti, non è una cosa semplice. L'università può essere una soluzione... fino a un certo punto oggi come oggi.

    RispondiElimina
  14. Pata sei grande. Mi piace il tuo concetto di rassegnazione. Un sacco. E mi piace brivido e il suo essere approdo sicuro. Sembra Marito... ma d'altra parte delle canne al vento come noi hanno bisogno di porti sicuri in cui approdare. e allora studia, scrivi, sogna, preoccupati, fai tutto quello che vuoi e puoi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sogno o son desta?! GIORGIAG sei proprio tu?!

      Elimina
  15. Io la mia botta di culo l'ho già avuta oggi.. :)

    RispondiElimina
  16. probabilmente ho perso qualche pezzo, non mi è chiaro cosa dovrebbe peggiorare, credo, da quel poco che leggo, che tu sia in grado di fare veramente qualsiasi cosa
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Patalice cara ma rifletter e meno e vivere di più? Non voglio offenderti né giudicare, io mi ritrovo nelle tue parole poiché anche io mi crogiolo nei mie pensieri, paure, problemi e preoccupazioni...poi però mi accorgo che non mi portano da nessuna parte e capisco che quello sprint per vivere la mia vita al meglio posso trovarlo solo dentro di me, nelle cose che mi piacciono fare, in quello in cui credo, nelle speranze ma anche nelle volontà...tu sei una persona energica, in grado di fare tutto, respira a fondo e vai...;-)

    RispondiElimina
  18. ciao principessa!!!
    ho visto la foto del tuo matrimonio....sei splendida!!! e complimenti per brivido :))
    la tua insoddisfazione la capisco sai?
    la tua voglia di lasciare un segno in questa società la devi al tuo malessere, la paura di peggiorare di non avere più tempo....ha ragione anche tuo marito....ma è comunque diverso.
    io scriverei, come hanno suggerito tanti.
    cosa? perchè non della tua malattia...no non come si manifesta e via dicendo, ma come la vivi, con la tua vivacità, con le tue giornate piene di amore ....famigliare e di amicizie.
    delle tue giornate in palestra, delle tue storie sul blog, dei tuoi sorrisi ...nonostante tutto.
    la forza che emani, la voglia di vivere ....tutti la vedono tramite i tuoi scritti, in questo blog....perchè non farne un libro?
    ti abraccio♥♥♥

    RispondiElimina
  19. basterebbe pensare alla società estena per decidere di non fare figli... ed invece diventare genitori è la cosa migliore che possa accadere alle nostre vite.

    RispondiElimina
  20. vuoi uno Jena consiglio? Si vive una volta sola, quindi non stare a riflettere troppo, fai subito quello che ti senti di fare perchè del senno di poi son pieni i cess... ops, le fosse!

    RispondiElimina
  21. è bello e prezioso avere qualcuno d'importante al fianco con cui condividere i sogni. se riesci, se puoi, se ti va...io ti consiglierei di seguire il cuore, spesso trova la strada giusta!
    in bocca al lupo per tuti i tuoi bei progetti
    :)
    emme

    RispondiElimina
  22. Ciao, forse pensi troppo.....e in questo momento così incerto non è bene e non fa bene!!!
    Sei bravissima però a destreggiarti in questo vortice di pensieri, dubbi, progetti e...simpatia, buttati sullo scrivere e magari scopri che il potere della botta di culo è proprio lì!!!
    Baci e in bocca al lupo

    RispondiElimina
  23. Mi piace quello che dice Nadione e concordo, e nonostante tutto concordo con quello che dice tuo marito, anche se spero che entrambi godiate di ottima salute. Hai un bellissimo blog complimenti!! ;) anche io invoco il potere della botta di culo :) speriamo funzione per tutti :)

    RispondiElimina
  24. vedo che è già stato detto, ma già che ci sono ribadisco anch'io che forse dovresti pensare meno e buttarti, è terribile avere rimpianti... tra l'altro mi sembra che tu abbia il totale appoggio di "Brivido". coraggio, la botta di culo se non fai nulla è sicuro che non arriva! datti almeno il gusto del dubbio :D
    un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Sono una di quelle che a 4 minuti dall'inizio del film vuole già sapere (alla perfezione) chi é amico di chi, chi va con chi, chi é bravo, chi é cattivo.
    Approdo sul tuo blog e devo dire che sono un attimo in difficoltà. Ho provato ad andare indietro ma non mi é servito a granché, ad andare avanti non si può. Per cui continuerò a tornare per maggiori sviluppi.
    GIusto una cosa, proprio per fare quella che dice sempre la sua: LANCIATI.

    RispondiElimina
  26. Mi va solo di dirti un "grazie"...che a volte ci si ritrova un pò di se stessi in certe parole e riconoscere che certi dubbi, paure, dolori, domande non sono solo tue (e che magari puoi pure fare delle soste ogni tanto tra un oddio-non-ce-la-posso-fare e l'altro) fa bene e non perchè "malcomunemezzogaudio" ma per il potere della condivisione che ci fa sentire meno soli...tutti con le proprie sfaccettature presi a cercare di darsi una forma...
    Mi hai fatto tornare alla mente un'immagine del mio passato: ci sono io ventiseienne in lacrime e una culla con un bimbo paffuto, catapultata in una sterminata steppa russafreddafredda (mentre stavo sul divano di miamamma)...
    Insomma, grazie :-)e buone cose a te!
    MrsQT

    RispondiElimina
  27. A pensare troppo il tempo se ne va e alla fine cosa ti resta?
    Carpe Diem!

    RispondiElimina
  28. Si sta bene dalle tue parti, Patalice: leggerti è un piacere, e mi sembri seguita da tante persone amiche.
    Continua a scrivere!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!