lunedì 8 ottobre 2012

Che ora è? Che ora è? Chissà che ora è?

Pensa e ripensa.
E fai male!

Dormì, no?!
Che l'occhiaia è in agguato ed i trent'anni e le loro rughe anche!

Periodo confuso, in cui l'abbandono ai sogni è quanto di più effimero e pindarico si possa immaginare!

Ho tantissimi pensieri che mi volteggiano nella testa, l'insonnia é a livelli paurosamente elevati, ed io sto cercando il modo per nn ammattire...

Riprendere gli studi ha portato tutta una serie di decisioni da prendere, decisioni che inevitabilmente mettono radici e nn mi mollano... Sai che stai facendo Patalice? Sei convinta/sicura che nn sia solo l'ennesima botta di entusiasmo?!

Qui tra botte ed ipotesi ho la mascella dolente per i colpi e la contrattura di qualsiasi cm di muscolo... Son messa come la merda!

Infattibile giovani, ve lo dico io... Uno dovrebbe elegiacamente decidere che si prende cura di se stesso, e ciò comprende la disinfezione continua della mente... Ma la mia é occupata.

Se guardo attentamente allo specchio, attraverso i miei occhietti passano piccoli Flash Gordon che trasportano peso...
Sono la donna mobile!
Sto mai ferma...
Non va mica bene così!

Diagnosi: Fuori di testa!
Cura: Rehab in qualche angolo di paradiso, con libri, tv, Kinder fetta al latte e tapis roulant!
Prognosi: ...a data da destinarsi!

Sono un fiume in piena ed ho argini troppo friabili.

Finirò seduta all'ufficio anagrafe del comune? O a far la muffa in un Asl? 
A cosa devono e possono aspirare gli impiegati di categoria protetta?
Sarò capace ad essere SOLO un viso tra tanti, l'anonimo che ti serve dei tuoi diritti, e che passi e te ne vai dalle loro memorie?

Sono in rotta con la mia materia grigia... È ribelle e solerte nel farmi ammattire.

Che cazzo faccio?
Dove stracacchio vado?
Come lo farò... Se lo farò...
...che poi fare andare sbrigare che roba?!

Eh no!
Che cavolo! Mica posso essere coi piedi a mollo nel paese delle meraviglie, tutto sembra com'è ma non è... Va bene l'omonima ma bionda e con un gatto al seguito proprio...

25 commenti:

  1. io penso che non è il lavoro che facciamo a renderci unici o anonimi... magari quell'impiegato che vedi li un po' triste, fuori ha una vita piena di cose! non farti troppe paranoie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai PIER lo sai, sono la reginetta assoluta delle paranoie! Comunque hai ragione, devo solamente mettermi nella testa che non tutto è dramma/problema!

      Elimina
  2. Io pagherei per avere un posto del genere... di questi tempi poi che non si trova uno straccio di niente... non lamentarti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e chi si lamenta EVA?! No no... Il punto non è la lamentela, anzi, forse anch'io auspico per me stessa un futuro "statale" ma delle volte ingrigire nel sistema mi fa paura e basta!

      Elimina
    2. Se fai il tuo lavoro "statale" o meno per bene e ti poni giornalmente degli obiettivi da raggiungere non ingrigirai assolutamente dietro una scrivania con la faccia triste... al contrario contribuirai a far muovere il sistema per il verso giusto!!

      Elimina
    3. Effettivamente EVA potrei dare il mio contributo all'umanità... No?! Scherzi a parte sono abbastanza confusa quando si tratta di cambiamenti & co. Ma prometto solennemente di vedere il bicchiere mezzo pieno!

      Elimina
  3. mi associo a eva qui su..e anche a pier...non è il lavoro che fa l'uomo, perlomeno non più in questi tempi in cui lavorare non è cosa certa...credo tu sia nel panico da università...hai ripreso da poco e non sai da che parte andare...ma non lo sa nessuno...vivi la tua vita e dacci dentro, la strada la troverai...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio avere l'università come specchio di ciò che vorrei è paragone pesante STRAWBERRY, ma prometto di guardarmi dentro con lo scopo di trovarmi!

      Elimina
  4. Concordo con Pier.
    E per l'insonnia, un paio di bei drinks aiutano sempre! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MRJAMES mio marito mette sottochiave l'armadietto del gin...

      Elimina
  5. Non ti servirà il lavoro, non ti servirà un armadio pieno, se poi non riesci a identificarti senza etichette e preconcetti in mezzo a tanta altra gente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi che faccio NONSENSESPOT?! Chi faccio?! Chi sono?! Come lo esprimo?! Vivo giorno per giorno?! Così, senza meta senza sapere?!

      Elimina
  6. grazie per la visita al mio blog e complimenti per il tuo ;)
    ti seguo
    ciao cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ti ringrazio CRISTIANO! Passa quando vuoi!

      Elimina
  7. Concordo con Eva... di questi tempi bisogna cogliere le opportunità... purtroppo non sempre abbiamo la possibilità di scegliere.
    E come dice Pier non bisogna giudicare dal fuori, io stessa faccio un lavoro che si mi piace ma non mi soddisfa appieno, e a volte posso sembrare triste, ma ciò non fa di me una persona "anonima" anzi, fuori dall'ufficio ho un sacco di interessi e cose da fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco GIULS il mio "problema" è che nn sono affatto in grado di separarmi dal mio io lavoro... Mi vedo sempre più identificata come una lavoratrice punto e stop!

      Elimina
  8. "Sono un fiume in piena ed ho argini troppo friabili. "

    RispondiElimina
  9. principessa!!!!
    sei un fiume in piena , sempre in movimento!
    tu anonima????
    nemmeno seduta dietro un vetro anonimo, come quello delle poste passeresti inosservata!
    vai pata!
    un bacione♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei meravigliosa come sempre NADIONE, mi sento sottotono ma tu riesci a far schiudere un sorriso! Ti adoro...

      Elimina
  10. Cambiamenti....abiti di vita da cambiare....nuove strade da percorere....RESPIRA E A TESTA ALTA VIVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII QUESTA FASE
    sei splendidaaaaaaaa,travolgente e luminosa tesoroooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che mi ci impegno TATAMI, ma per un po' parlando di luminosità, qualcuno mi batterà alla stra grande...

      Elimina
  11. Ma perchè sempre a farsi queste domande? chi sono, cosa faccio, in cosa mi riconosco... la vita è quella che ti travolge mentre perdi tempo a farti queste domande. E sta già passando. Inutile fare piani, tanto il futuro non è nelle nostre mani. Prendi una decisione quando ti si pone una questione, farlo prima non cambierà nulla. Siamo tutti anonimi, quando sguardi estranei si posano su di noi... Ma chissenefrega, l'importante è stare bene e fare cose che ci piacciono, soprattutto al di fuori del lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e saperlo fare ALICE, ti assicuro che pensarla e farlo al contempo, senza sforzo, senza pregnante impegno, snervante impegno, sarebbe così bello da sembrarmi una favola. Ma la verità è che io non sono capace. Non solo mi faccio (tante) domande, ma l'assenza di risposte immediate mi fa un male cane!

      Elimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!