giovedì 21 giugno 2012

gastronomia di cui parlare...

e dopo aver tanto denigrato la categoria, anche il blog di Patalice si trasforma in monotematico e vi parlerà solo/esclusivamente/eccezionalmente di cucina!!!

no dai che scherso gnari!

però l'incursione gastronomica ci sta, e ve la propino...

trattasi però di una cucina particolarissimissima perché DEVE essere dietetica... 

no, non pensate male di me, ve l'ho detto che ho la strenua volontà di diventar meno schelettrica, e poi ad oggi io e il cibo non abbiamo un gioioso rapporto, dato che tutto quel che butto giù...in un modo o nell'altro torna su! ma ho dovuto mettere Brivido a dieta perché la situazione si era fatta abbastanza preoccupante... il ragazzo non mi sta letteralmente più nei pantaloni... e vorrei dire che tutto ciò è merito del mio potenziale sexy, ma la verità è che il sederino della mia dolce metà lievita a più non posso a causa del suo essere una buona forchetta!

e così mi sto inventando 2000 e più ricette a base di verdure, che possano sopperire alla sua dipendenza da burro/fritto/olio eccetera eccetera... 

e debbo dire che finalmente iniziamo a mangiare le stesse cose...

ad esempio qualche sera fa ho deliziato il suo palato con delle brioches salate.

INGREDIENTI:
una confezione di fette di tacchino (io ho usato quelle della Aia, sono 6 se non sbaglio...) 
una scatoletta di jocca (di quelle da 150 grammi)
una busta di insalata (novella di quelle già pulite)
preparato per la pasta sfoglia non mi ricordo che marca, comunque se potete piccola)
grana grattuggiato q.b. (fondamentalmente si va di spolverata!) 

PREPARAZIONE:
spalmate sulle fette di tacchino, sopratutto nel centro, una modica quantità di jocca e buttarci sopra foglioline di insalata chiuderle a mò di involtino, e ricoprirle con una strisciolina di pasta sfoglia, giusto da riuscire a chiuderla e mettere uno stuzzicadenti come fermo.
spolverare il suddetto involtino di grana grattuggiato, e mettere in forno a 180° per una ventina di minuti, il tempo che serve per far cuocere la pasta sfoglia.

ripetere l'operazione per tutte le fette a disposizione.

mangiare.

calde o fredde, senza distinzione... possono essere in ambedue le condizioni gustose.

stop.

va beh, non sarò la Parodi, o Rugiati, ma la ricettina ve l'ho sparata io pure... e debbo dir che ha saziato il marito affamato con calorie contenute, ed equilibratissime... 

mi sento la moglie perfetta! 


11 commenti:

  1. prendo nota, ché pure io non sto più nei pantaloni :)

    RispondiElimina
  2. sembra buona! io poi amo il tacchino
    *-*

    RispondiElimina
  3. buona! amo il tacchino e la jocca quindi è perfetta! ^^

    RispondiElimina
  4. sei fortissima Patalice!!!
    e questa ricetta non è niente male :-)

    RispondiElimina
  5. da provare assolutissimamente!

    RispondiElimina
  6. sbavo.... tipo homer... non è carino da vedersi però :P

    RispondiElimina
  7. adoro il sottotitolo del tuo blog e anche la ricetta non è male ;

    RispondiElimina
  8. ma che brava cuochina!!!!! :-)
    che metti il grembiulino a quadretti rossi? eheheheheh!!!
    mi sembra buona buona!
    io al lavoro con le verdurine lesse , quelle che ho a portata di mano ( carotine, spinaci,broccoletti, patate ecc. ecc.)le triro un pò e faccio strati con la mozzarella, ma non troppa! poi finisco con questa e il parmigiano.....me la fanno fuoriiiiii!!
    poi con le stesse verdure una frittatina aggiungendo il latte e il grana...a piacimento sopra la mozzarella.
    ma cotta in forno, così niente fritto!
    la mia cuoca principessa!!!!!
    un abbraccione♥♥♥

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!