lunedì 21 maggio 2012

paure scosse e vento

 c'è vento... ce n'è stato per tutta notte... stanto che non mi ha lasciata dormire, perchè temevo che il terremoto sarebbe tornato ed avrebbe portato via la casa... che poi, essendo in affitto, non me ne fregava proprio nulla della casa in sè... ma delle persone che la abitano, e delle cose che la rendono degna d'esser chiamata casa si, eccome! 
così, mentre le ante sbattevano ed io mi rotolavo nel letto, chiedendomi come cavolo facesse a dormire imperterrito il mio signor marito, le riflessioni menata sull'esistenza hanno preso a crearsi ed ingigantirsi nel mio cervello, facendosi talmente largo da togliermi definitivamente il sonno... 

penso che la paura della morte sia compagna delle mie giornate ormai da tempo immemore... non so perché ne se mai riuscirò a posporre il pensiero, so che il pensare al presente non è una peculiarità che mi sono mai concessa, perdendomi così tanto di quel "bel vivere" che vi lascio solo immaginare... non sono mai stata brava nel godere la mia età, sono sempre stata un'inetta nel prendermela comoda, nel divertirmela, nel lasciar correre, nello spassarmela, nel vivere senza pensieri... niente "Hakuna Matata" per la piccola Patalice...

la notte il triplicarsi della paura mi rende psicolabile soggetto votato all'inquietudine di un'esistenza piena, zeppa di condizionali che vertono inesorabilmente al catastrofico e che mille volte mi hanno condotta ad out/out tra me e me stessa... o crolli o la smetti di farti del male... alla fine ogni tanto crollo, molto spesso fingo vada tutto bene... ma il mio è un laconico pessimismo leopardiano, che ha un po' oure dell'autolesionistico, sebbene, contrariamente alle apparenze, io ami la vita, er mi entusiasmi il vivere, non so "vivere bene", non sono capace... tant'è che la felicità a me è sempre parsa un talento che una o ce l'ha oppure no... 

...io non ce l'ho, ma sono tanto determinata ad imparare, che forse forse ce la faccio... e talune volte mi pare pure di farcela! e lì son successi che volano! 
il mio compleanno comunque, è stato un giorno assolutamente eccezionale, privo di malumore, e anche i giorni a seguire, a parte qualche iniezione di rompicoglionimento mio agli altri o a me stessa, sono trascorsi con una certa serenità! ma del 27esimo anniversario della mia venuta al mondo,  vi parlo con un bel post dedicato, che prevarichi l'incipit non particolarmente festaiolo...

a parte tutto questo posso dire che questo weekend, trascorso sotto la pioggia, è stato bello allegro... 
 
l'idea, sabato, era che io e Jn andassimo in centro in bici, per un futile ed inutile, sebbene gioioso e godurioso, pomeriggio di shopping, spostandoci in bicisletta da un luogo ad un altro, ma il cielo plumbeo ci ha fatto propendere per auto ed ombrello... i frutti della giornata a presto in un bel reportage fotografico!
la domenica, dopo una notte tormentata da maledettissime scosse sismiche che fortunatamente, almeno nelle mie zone, non hanno fatto danni, è stata di una lentezza da bradipo... Brivido ha soccato beatamente dalle 2 alle 5, ed io nell'inerzia da domenica lunatica non ho neppure fatto il gesto di aprire l'asse da stiro e ricongiungermi col karma della brava casalinga...però la juve ha perso contro il napoli, quindi barlume di felicità per il concludersi in extremis dell'imbattibilità bianconera... 

ora, sperando di non annegare nella pioggia ancora copiosa che scende, mi accingo a vivere questa penultima settimana di maggio... con una domanda... ma il sole?! arriva o no?! 
...avrei anche una discreta voglia d'estate... non sarò l'unica...  

7 commenti:

  1. tu principessa....sei attaccata così tanto alla vita!!!!
    ma non devi rimproverarti se pensi così spesso alla morte....è normale!
    ognuno di noi lo fa, per varie motivazioni.
    paura delle calamità, di malattie, di incidenti......
    e poi, chi riesce a vivere bene?
    io no!
    e speriamo torni il sole, che mi sta crescendo del muschio sulla pelle!!!
    un abbraccione mia pata♥♥♥

    RispondiElimina
  2. davvero terribile, speriamo che arrivi il sole ad asciugare...

    RispondiElimina
  3. tesoro sono davvero impaurita anch'io.. che il Signore ci aiuti..

    p.s. hai voglia di incontrarci?! vieni da me così scopri di più:
    http://missvalerie29.blogspot.it/2012/05/avete-voglia-di-venirmi-trovare.html#comment-form

    RispondiElimina
  4. è normale, umano avere paura... amiamo la vita, ci mancherebbe!!! cmque piacere, sono clacla, a presto!

    RispondiElimina
  5. Chissà che paura che devi aver avuto... Io il signor marito l'avrei svegliato a sberle.
    Per il resto cerca di sfruttare un pò di più il carpe diem...

    RispondiElimina
  6. C'è una cosa che ricordo nitidamente dell'ultima lezione del mio corso di Ragioneria I all'univ. ed è una frase che ci disse il professore.

    "Ricordatevi che nella vita capita di cadere, l'importante è sapersi alzare con onore"

    Sì, ogni tanto si crolla, capita, ma bisogna puntare le mani e rialzarsi.

    RispondiElimina
  7. da piccola avevo anche io paura della morte.....mi compariva sempre davanti agli occhi quando la sera andavo a dormire..... fortunatamente crescendo mi è passata....

    aspettiamo tutti il sole

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!