giovedì 29 dicembre 2011

incapace di lasciarlo andare...

il Natale non è mai sufficentemente celebrato per quel suo essere un mondo a parte così ben congegnato...
è un disegno sociale meraviglioso, fatto di una profonda incisione nel quotidiano che rende il tram tram qualcosa di eccezionale!
sottovalutato come porzione di vita sociale, io l'amo e trovo struggente che sia già terminato... 


infatti non riesco a prendere i miei cd natalizi, puntualmente lanciati nell'autoradio all'albore di dicembre, e a defenestrarli alla volta di una musicalità che saluti l'anno novello...


non m'arrendo alla visione della "normale" programmazione televisiva, e mi trastullo gioiosa nel pandemonio di film a tema... il disadattato che da speranza "Il Grinch", le mille versioni del "Canto di Natale" di Dickens tra Disney e Jim Carrey, il classico del buonismo "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato", il sempreverde che da speranza "Il Piccolo Lord", e tutti i mille cartoni Disney che danno a ripetizione infinita... sono la Christmas Television per eccellenza! 


ed ancora non ho passeggiato per la città armata di macchina fotografica per immortalare luci/lucine/decorazioni/festoni... le bellezze e le brutture di comuni ed attività commerciali...


centellino pandoro e torrone,sperando di farlo durare il più a lungo possibile, e mi incazzo come una iena di fronte all'aggressiva scelta materna di disfare cesti e scatole di caramelle pervenute a Santa Lucia, perché tengono via "troppo spazio", ed invece a parer mio sono semplicemente splendidi esempio di leccornie al sapor di strenna... e fa tristezza veder relegati mille cioccolatini e tremila caramelle in enormi ciotole...


non ho ancora ricevuto ALMENO 2/3 regalini di quelli che mi spettano... e questo è deleterissimo per la mia curiosità infinita, ma tiene viva la possibilità di scarto nei prossimi giorni, e di conseguenza la supposta allergia da pezzetttino di carta vagante... e ben venga!!!


insomma... non riesco a lasciare che "natalizio" sia affibbiato al tempo trascorso, grammaticalmente nemmeno mi sfiora l'imperfetto ed io son ben contenta che così sia... 


certo, mi rendo conto che viaggiare di berrettino trafugato al guardaroba di Babbo Natale, incomincia ad essere "vagamente" fuori luogo, ma io mi diverto troppo a personificare lo Spirito del natale presente... 


tra un paio di giorni saluteremo questo anno che ha avuto i suoi 365 giorni di beltà, maldicenza, novità, rancori, nascite, morti, innovazioni, desolazione, prodigi, smarrimento, entusiasmo... ma per il momento, please, lasciatemi qui a canticchiare Jingle Bells con la forchetta affondata nel panettone che annega nello zabaione.... lasciatemi rosso bianco oro e verde che mi si sparpagliano attorno, e bene così... 


prometto che prima della fine dell'anno facciamo un gioioso resoconto del 2011 che ci lascia, ma adesso no... adesso, per me, è ancora CHRISTMAS TIME!!! 

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Sono contenta che tu sia passata a trovarmi e che la pensi come me sui libri della Kinsella! :)
    A presto.

    Sognatrice
    a bordo

    RispondiElimina
  3. Sei in buona compagnia, anch'io sto cercando di far durare lo spirito del Natale il più a lungo possibile... Ma credo che fino al 6 gennaio siamo entrambe ancora "in tema", quindi non curiamoci di chi storce il naso. :)

    RispondiElimina
  4. ...anche per me... vorrei avere potuto fermare il tempo un po' più a lungo su quei 3-4 giorni dal mio compleanno a Natale.
    Al Capodanno, ci penso domani... forse... (*^_^*)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Perché SEI UNICA e SPECIALE Principessa! e per qesto che ti voglio bene!

    RispondiElimina

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!